Presentazione CD Paisiello

ASSOCIAZIONE MUSICALE COSARARA
SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHIVISTICI DELLA CAMPANIA

COMUNICATO STAMPA

Giovedì 14 dicembre alle ore 17.00 nel suggestivo salone dei ricevimenti di Palazzo Marigliano, sede della Sovrintendenza ai Beni Archivistici (Via Tribunali)Sandro Cappelletto, giornalista e critico musicale de LA STAMPA, presenterà l’incisione discografica in prima mondiale della trascrizione di Giovanni Paisiello dello Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi, della Sequentia per la Pentecoste e di 3 Tantum Ergo, altri pezzi sacri originali di Paisiello. Tutte le musiche sono state riscoperte e revisionate dal musicista e direttore d’orchestra napoletano Giuseppe Camerlingo nel Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli.
Giuseppe Camerlingo, allievo di Jacopo Napoli prima e di Thomas Ungar a Stoccarda e di Sergiu Celibidache poi, assistente di Claudio Abbado all’Opera di Vienna, al Festival di Salisburgo, a Ferrara Musica e nella stagione concertistica della Filarmonica di Berlino, è dal 1999, direttore ospite della Sinfonietta Cracovia.

Interverranno, inoltre,  alla presentazione:
Maria Rosaria de Divitiis (Sovrintendente ai Beni Archivistici)
Giuseppe Camerlingo (musicista, direttore d’orchestra e direttore artistico di COSARARA)
Pasquale del Vecchio (Presidente del Conservatorio di Napoli)
Vincenzo de Gregorio (Direttore del Conservatorio di Napoli)

1 ) COSARARA, associazione di musica e restauro
Nasce Cosarara, nella suggestiva cornice neoclassica di Palazzo Cattaneo a Cremona, messo a disposizione da un mecenate della musica “per poter realizzare l’ambizioso progetto di una casa della musica”.
La creazione dell’Associazione, fondata dal Maestro Giuseppe Camerlingo (e che deve il suo nome al titolo dell’opera “Una cosa rara” di Martin y Soler, citata nel Don Giovanni di Mozart), rientra nel “progetto sistematico di recupero di musiche prevalentemente settecentesche mai ascoltate in epoca moderna”.
Capolavori dimenticati giacciono sotto la polvere delle biblioteche, quei capolavori che contribuirono, nel Settecento, a consolidare l’idea della “musicalità” del nostro paese, grazie alla quale i nostri musicisti erano invitati ed osannati  in tutte le corti d’Europa.

2 ) Il CD
Prima tappa di questo “progetto globale” è lincisione discografica in prima mondiale della trascrizione di Giovanni Paisiello dello Stabat Mater  di Giovanni Battista Pergolesi, oltre alla Sequentia per la Pentecoste e 3 Tantum Ergo, altri  pezzi sacri originali di Paisiello. Tutte le musiche sono state riscoperte e revisionate da Giuseppe Camerlingo che le ha recuperate al Conservatorio “San Pietro a  Majella” di Napoli.
Il cd è stato registrato a Palazzo Cattaneo per la casa discografica AGORA’.

3 ) L’ INSIEME STRUMENTALE
L’Insieme Strumentale Cosarara nasce insieme all’Associazione.
“Elasticità e duttilità nell’uso di strumenti delle diverse epoche”. Giuseppe Camerlingo è sicuro del prodotto che vuole ottenere: “Sono tutti musicisti di solidissima formazione strumentale e musicale dotati di strumenti barocchi, classici e moderni ed esperti degli stili esecutivi delle varie epoche. Non scimmiotteremo i complessi barocchi in circolazione: vogliamo distinguerci per le qualità della tradizione  da cui proveniamo: dolcezza delle melodie, gioco chiaroscurale dei contrasti, quella misura classica che abbiamo ereditato direttamente dagli antichi greci e che Vivaldi e Scarlatti derivavano dal grandioso Rinascimento Italiano”

 4 ) CENTRO STUDI e LABORATORIO MUSICALE
Palazzo Cattaneo sarà una casa viva per la musica di Cosarara: indagini musicologiche, revisioni, pubblicazioni editoriali, registrazioni e produzioni discografiche, esecuzioni  e laboratori musicali. Tutte le attività del Centro saranno indirizzate e seguite da un comitato scientifico formato da musicisti e musicologi di chiara fama.

 

                                                                                                                                               Laura Valente
Consulente musicale, Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni

                                                                                        

I commenti sono chiusi.